TEATRINO DI VILLA GONZAGA

CHIESA S. INNOCENTI DI VILLA GONZAGA
2 Marzo 2019
LIBRERIA MILLESTORIE
2 Marzo 2019

TEATRINO DI VILLA GONZAGA

31 MARZO – 14 APRILE 2019

VIA L.GREPPI, 4, OLGIATE O. (VA)

Orari visita: sabato 15-18,30
domenica 10-12 / 15-18,30
Ingresso libero

COOPERATIVA SOCIALE laBanda

Un mondo a parte

La Cooperativa Sociale laBanda nasce nell’ottobre del 2001. A farla nascere è stato il desiderio di alcuni professionisti impegnati da diversi anni in ambito educativo e sociale di mettere a disposizione le molteplici esperienze maturate e relative agli strumenti, ai sistemi e alle metodologie di intervento. Tutto ciò unitamente al piacere di sviluppare una continua ricerca in grado di creare un nuovo, differente, rapporto tra teoria e prassi educativa.
L’obiettivo che laBanda si pone è quello di arrivare ad essere un’organizzazione in cui la qualità dei progetti e le modalità di lavoro adottate possano essere un modello di riferimento per quanti operano nel sociale. Ogni progetto elaborato in seno alla Cooperativa vuole caratterizzarsi per la centralità del bene-essere e della qualità della vita da garantirsi attraverso strumenti e percorsi formativi, educativi, culturali e ricreativi. Gli utenti preferenziali sono, da sempre, i minori e le loro famiglie, dalle primissime fasi della crescita all’approccio con l’età adulta.
laBanda realizza progetti dedicati alle famiglie con bambini 0-6 anni (Asili nido, Tempi per la famiglia, corsi e metodologie per genitori), progetti nelle scuole dedicati in particolare a gruppi di alunni con Bisogni Educativi Speciali, Appartamenti diurni per ragazzi in situazione di fragilità educativa, gruppi dedicati a famiglie accoglienti, laboratori per adolescenti e consulenze di carattere educativo.
Negli ultimi anni laBanda è diventata anche una Cooperativa di tipo B e gestisce in collaborazione con il Comune di Castellanza la Corte del Ciliegio, ovvero un’attività volta ad introdurre al lavoro soggetti con svantaggio sociale, in primo luogo i ragazzi seguiti nei diversi progetti.
Un mondo a parte
Il Progetto Conciliazione, nello specifico, si propone di strutturare e attivare per i Comuni di Olgiate Olona e Gorla Minore diverse linee di intervento che facilitino i compiti di accudimento e di educazione delle famiglie e aumentino il benessere percepito nella vita familiare. Proprio all’interno di questo progetto nasce il laB di fotografia digitale. Questo corso si pone come obiettivi principali quelli di portare gli adolescenti all’accettazione del proprio corpo, in continua trasformazione, e alla promozione di sé in maniera adeguata.
Gli adolescenti, bombardati da modelli di bellezza irraggiungibili, perché spesso irreali (basti pensare all’utilizzo smisurato di Photoshop da parte di personaggi famosi), ritengono il proprio aspetto fisico inadeguato a “sostenerli nella ricerca del successo sentimentale e sociale” (G. P. Charme, La paura di essere brutti). La fotografia, dunque, diviene il mezzo per esorcizzare la “paura” di essere brutti e per “rivedere” in se stessi una bellezza profonda e autentica, che vada al di là della fisicità e che sia in grado di cogliere l’unicità di ciascun ragazzo.
La mostra “Un mondo a parte” è il risultato del laboratorio fotografico dello spazio laB frequentato da ragazzi delle scuole secondarie di primo grado dei comuni di Gorla Minore ed Olgiate Olona.
Durante il laboratorio, i giovani fotografi hanno rielaborato le proprie emozioni, “intrappolandole” in scatti che si differenziano dagli usuali selfie e restituendocele in tutta la loro primitiva bellezza.

CLAUDIO ARGENTIERO

Étoiles di luce. Un racconto discreto dietro le quinte e in scena del CAD di Olgiate Olona

La Danza è linguaggio del corpo, è pensiero riflessivo cristallizzato dai movimenti, è metafora dell’esistenza, è rappresentazione dell’essenza, è esaltazione della grazia e della bellezza, è il mutare della fisionomia, è un soffio di leggerezza che attraverso la forma comunica emozioni, senza il bisogno di parole, quando c’è passione, coinvolgimento, cuore e impulso emotivo.
La Danza è libertà e coraggio, con accenti di evidente emancipazione, nell’impagabile metamorfosi, a tratti trascendente, che il corpo assume nella disciplina quotidiana, quando è la dedizione suprema a ricercare equilibri e armonia, isolando il contesto per vivere pienamente l’assonanza tra mente e corpo, seduzione ed eleganza, spazio scenografico e delicata lievità.
La Danza è vita, perché educa al rispetto, all’impegno, al sacrificio.
La Danza è silenzio, perché a parlare è l’espressività del corpo e della fantasia.
“Ogni uomo dovrebbe danzare, per tutta la vita. Non essere ballerino, ma danzare. Chi non conoscerà mai il piacere di entrare in una sala con delle sbarre di legno e degli specchi, chi smette perché non ottiene risultati, chi ha sempre bisogno di stimoli per amare o vivere, non è entrato nella profondità della vita, ed abbandonerà ogni qualvolta la vita non gli regalerà ciò che lui desidera. È la legge dell’amore: si ama perché si sente il bisogno di farlo, non per ottenere qualcosa o essere ricambiati, altrimenti si è destinati all’infelicità.” RUDOLF NUREYEV
Gli scatti di Claudio Argentiero sono stati realizzati negli spazi della Scuola Arte Danza di Olgiate Olona e durante alcuni spettacoli tenutesi nei teatri del territorio.
La scelta delle immagini in mostra intende esprimere differenti momenti interpretati dall’autore, da quelli dell’allenamento e dello studio a quelli dell’esibizione davanti alle platee, non trascurando gli istanti della preparazione, in cui distensione, vestizione e leggerezza fanno da collante tra i danzatori, con scatti ripresi dietro le quinte che svelano legami intimi di artisti leggiadri e sensibili.