LA POETICA DELL’INFANZIA di MARINA KAZAKOVA

PROGETTO WATER GRABBING WATER GRABBING, A STORY OF WATER FotoGraFie di Gianluca Cecere e Fausto Podavini
19 febbraio 2018
POETICHE DELL’OBLIO di ROBERTO VENEGONI, SILVIA LAGOSTINA, GIOVANNI CEDRONELLA, CLAUDIO ARGENTIERO
19 febbraio 2018

LA POETICA DELL’INFANZIA di MARINA KAZAKOVA

ALBÈ & ASSOCIATI STUDIO LEGALE

Via Cellini, 22 – Busto Arsizio (Va)

22 marzo – 15 aprile 2018

Orari visita: LUNEDÌ 2 APRILE 15,00-17,30; SABATO 7 E 14 APRILE 10,00-12,00; DOMENICA 8 E 15 APRILE 15,00-17,30; o su appuntamento telefonando ai n. 0331639176/3355890331

Marina Kazakova è vincitrice del Premio Portfolio Afi 2017 Nata in Unione Sovietica non ha mai vissuto in un luogo per più di 5 anni. Frequenti cambi di residenza, USSR, Germania, Kazakistan, Russia e infine Italia. Ha studiato giornalismo all'Università di Mosca ed ha lavorato negli ambienti del Jazz Moscovita. Ha quattro figli di diversa età ed un nipote. Il modo in cui vivono, ciò che provano, che pensano ed i cambiamenti del loro corpo durante le varie fasi della crescita, hanno dato origine alla serie pittorica di fotografie sull'infanzia, l'adolescenza e la gioventù. Il concetto del progetto - “La poetica dell’infanzia” - è l'estetica della giovinezza: sensualità, fiducia ed un enorme bisogno di amore, forse più che in qualsiasi altro periodo della loro esistenza. Pensiero che Marina, con grande sensibilità, ha raccontato utilizzando il medium fotografico per svelare attraverso intime visioni una parte di vita privata di cui ci rende partecipe, dimostrando che spesso le storie da raccontare sono molto vicine a noi, in un viaggio più mentale che fisico. Ha esposto in alcuni Paesi, in particolare in Russia e Italia, e ha ricevuto significativi riconoscimenti e premi per il suo lavoro.